${fontLinkMarker}

Alin Marin Elena's

Republic of Numbers and Letters
Tags

Charles Simic

alberto giacometti

Louis MacNeice

belle and Sebastian

gagarin

tar

van der graaf generator

daily

romanian

english

legend

camera obscura

supercomputing

top 500

coppola

eliade

film

youth without youth

Human rights act

abuse

migrants

iphone

lousy

4-3-2

oscar

french

le questionnaire de proust

creative sciences

francois mitterrand

sale

farmers

libido

malawi

hello

picture

diet

hazards

dragasani

ebay fraud

dor-de-munca

games

minicity

gorillas

missionary position

cuba

spanish

vista pictures

Marin Sorescu

Roger McGough

Craiova

cotidian

duel

varia

amarok

bbc

kde

flash

opensuse

dilema veche

nokia

yellow smiley face

academia life

Intimate monologues

many shades of blue

dart poetry

fabrizio de andrè

Andrea Parodi

Pablo Neruda

Amalia Rodrigues

Philip Larkin

uk ellections 2010

may day weekend

englush

modern art

despre prietenie

lateral thinking

eurovision 2010

wrong bank

dali

dreams

david lodge

thinks

dear fear

migala

cpu

gpu

intel. dogs

nvidia

ernesto sabato

makine

reading

google calendar

korganizer

philip glass

stupidity

electronic devices

vinicio capossela

amedeo modigliani

vinicio caposella

Mario Benedetti

Peter Porter

Andy Warhol

Femme Fatale

Lou reed

Velvet Underground

andrew motion

hp pavillion dm1 1020sa

opensuse 11.3

eye test

google chat

children in restaurants

kde4

ucd life

gabriel metsu

national gallery dublin

john cage

silence

bugs

software management

haruki mursakami

commonwealth games

church

vomit

Samuel Beckett

Anne Carson

rome

Michel Houellebecq

student protests

Christopher Hitchens

Tom Wayman

dublin

ireland

multicultural experiences

kent

be free think!!!

julian assange

wikileaks

Brian Patten

Jorge Luis Borges

arcade fire

John Grant

Paul Celan

henry moore

Murray Lachlan Young

crowd wisdom

Pier Paolo Pasolini

if not

Andrei Voznesensky

Marché Aux Puces

Tessimond

Camillo Sbarbero

Giuseppe Ungaretti


By: Alin Marin | March 15, 2012

by Pier Paolo Pasolini

Solitude: you must be very strong
to love solitude; you have to have good legs
and uncommon resistance; you must avoid catching
colds, flu, sore throat; and you must not fear
thieves and murderers; if you have to walk
all afternoon or even all evening
you must do it with ease; there's no sitting down,
especially in winter, with wind striking the wet grass,
and damp mud-caked stone slabs among garbage;
there's no real consolation, none at all,
beyond having a whole day and night ahead of you
with absolutely no duties or limits.
Sex is a pretext. For however many the encounters
— and even in winter, through streets abandoned to the wind,
amid expanses of garbage against distant buildings,
there are many—they're only moments in the solitude;
the livelier and warmer the sweet body
that anoints with seed and then departs,
the colder and deathlier the beloved desert around you;
like a miraculous wind, it fills you with joy,
it, not the innocent smile or troubled arrogance
of the one who then goes away; he carries with him a youthfulness
awesomely young; and in this he's inhuman
because he leaves no traces, or, better, only one trace
that's always the same in all seasons.
A boy in his first loves
is nothing less than the world's fecundity.
his the world that thus arrives with him, appearing, disappearing,
like a changing form. All things remain the same—
and you'll search half the city without finding him again;
the deed is done; its repetition is ritual. And
the solitude's still greater if a whole crowd
waits its turn: in fact the number of disappearances grows—
leaving is fleeing—and what follows weighs upon the present
like a duty, a sacrifice performed to the death wish.
Growing old, however, one begins to feel weary
especially at the moment when dinnertime is over
and for you nothing is changed; then you’re near to screaming or weeping;
and that would be awesome if It wasn't precisely merely weariness
and perhaps a little hunger. Awesome, because that would mean
your desire for solitude could no longer he satisfied,
and if what isn't considered solitude is the true solitude,
the one you can’t accept, what can you expect?
There's no lunch or dinner or satisfaction in the world
equal to an endless walk through the streets of the poor,
where you must be wretched and strong, brothers to the dogs.

(1969)

Versi del testamento

La solitudine: bisogna essere molto forti
per amare la solitudine; bisogna avere buone gambe
e una resistenza fuori del comune; non si deve rischiare
raffreddore, influenza o mal di gola; non si devono temere
rapinatori o assassini; se tocca camminare
per tutto il pomeriggio o magari per tutta la sera
bisogna saperlo fare senza accorgersene; da sedersi non c'è;
specie d'inverno; col vento che tira sull'erba bagnata,
e coi pietroni tra l'immondizia umidi e fangosi;
non c'è proprio nessun conforto, su ciò non c'è dubbio,
oltre a quello di avere davanti tutto un giorno e una notte
senza doveri o limiti di qualsiasi genere.
Il sesso è un pretesto. Per quanti siano gli incontri
—e anche d'inverno, per le strade abbandonate al vento,
tra le distese d'immondizia contro i palazzi lontani,
essi sono molti—non sono che momenti della solitudine;
più caldo e vivo è il corpo gentile
che unge di seme e se ne va,
più freddo e mortale è intorno il diletto deserto;
è esso che riempie di gioia, come un vento miracoloso,
non il sorriso innocente o la torbida prepotenza
di chi poi se ne va; egli si porta dietro una giovinezza
enormemente giovane; e in questo è disumano,
perché non lascia traccie, o meglio, lascia una sola traccia
che è sempre la stessa in tutte le stagioni.
Un ragazzo ai suoi primi amori
altro non è che la fecondità del mondo.
È il mondo clic così arriva con lui; appare e scompare,
come una forma che muta. Restano intatte tutte le cose,
e tu potrai percorrere mezza città, non lo ritroverai più;
l'atto è compiuto, la sua ripetizione è un rito. Dunque
la solitudine è ancora più grande se una folla intera
attende il suo turno: cresce infatti il numero delle sparizioni—
l'andarsene è fuggire—e il seguente incombe sul presente
come un dovere, un sacrificio da compiere alla voglia di morte.
Invecchiando, però, la stanchezza comincia a farsi sentire,
specie nel momento in cui è appena passata l'ora di cena,
e per te non è mutato niente; allora per un soffio non urli o piangi;
e ciò sarebbe enorme se non fosse appunto solo stanchezza,
e forse un po' di fame. Enorme, perché vorrebbe dire
che il tuo desiderio di solitudine non potrebbe esser più soddisfatto,
e allora cosa ti aspetta, se ciò che non è considerato solitudine
è la solitudine vera, quella che non puoi accettare?
Non c'è cena o pranzo o soddisfazione del mondo,
che valga una camminata senza fine per le strade povere,
dove bisogna essere disgraziati e forti, fratelli dei cani.

(1969)

Pier Paolo Pasolini: Poems
selected and translated by Norman MacAfee with Luciano Martinengo
Farrar, Straus and Giroux, New York

Category: daily 

Tags: Pier Paolo Pasolini 

Comments:

Be the first to comment ...

Post a Comment